arte tecnologia

M’horò, all’ombra dei giganti. Al Mont Frety Restaurant di Courmayeur, da lunedì prossimo, 12 febbraio, una sorprendente mostra di sculture

Si inaugura lunedì prossimo, 12 febbraio, al Mont Frety Restaurant di Courmayeur (Strada regionale, 21) con il patrocinio di Meraviglia Italiana, aperitivo\vernissage ad entrata libera, a partire dalle ore 17.00, la Mostra di Sculture di M’horò, straordinario artista contemporaneo (la cui identità è però un mistero, avendo scelto di restare anonimo e dunque senza volto) la cui produzione è curata dalla Minotauro Fine Art Gallery di Palazzolo sull’Oglio (Bs). M’horò sta riscuotendo crescente successo a livello internazionale per le sue opere singolari, sorprendenti e modernissime, apprezzate dal mercato e dalla critica, in particolare modo da Vittorio Sgarbi che firma il catalogo dedicato, e non lesina parole di elogio sulla sua esclusiva e affascinante cifra stilistica.

L’opera di M’horó – scrive Sgarbi – assume il carattere quasi di un’archeologia industriale, prendendo di mira elementi radiali e serpentine destinati, probabilmente, a uscire presto dalla produzione, superati da altri tecnologicamente più evoluti, che vengono sottoposti a un’operazione prevalente, la deformazione per via di torsione, allungamento o perforazione (…). E se cinquanta anni fa, in ambito artistico, il riciclo del rifiuto poteva essere considerato poco più di una provocazione vogliosa di choc, oggi si connota, inevitabilmente, secondo una chiave diversa, maturata nel frattempo all’ombra dell’istanza ecologista, facendo della creazione artistica non solo un atto di natura estetica, ma anche morale. Il bello, insomma, che aspira di nuovo al buono, il piacere degli occhi, del tatto, della mente, che si mette al servizio anche di ciò che è socialmente utile”.

M’horò utilizza scarti e ingranaggi industriali e materiali di rottamazione che “affronta” ricorrendo a questa misteriosa tecnica di torsione, perforazione, stampigliatura e di incredibile allungamento\assottigliamento delle strutture radiali e delle loro lamine di alluminio, e contemporaneamente “si produce in un innesto\disegno di forme sferiche, triangolari, ovoidali – scrive Roberto Messina – che generano un’originalissima teoria di sculture che dallo stato di objet trouvé, diventano fini e sorprendenti cesellature. Opere in cui il metallo ammorbidito, reso duttile e malleabile, viene valorizzato da una visione artistica fortemente ‘intenerita’ e poetica. I suoi lavori, allora, come veri e propri gioielli, pietre preziose, gemme, cammei che catturano la luce e la restituiscono allo spettatore con ridondanze, riflessi e rifrazioni adamantine di rara attrattiva, sorprendentemente sfavillanti e armoniose nonostante il materiale ‘ordinario’”.

In un luogo come Courmayeur, dove la natura, e nello specifico la formidabile catena montuosa si scoprono e si godono (anche) grazie all’arditezza tecnologica e all’ingegneristica estrema dello “skyway”, senza però violentare il paesaggio ma esaltandolo e rendendolo fruibile, la dimensione ecologista di tutta evidenza di M’horò acquista così ulteriore potenza e significato: “quella di un artista – è ancora Roberto Messina – che recupera, riscatta il rifiuto industriale dalla sua inevitabile ossidazione, decomposizione e mummificazione. Lo rende linfatico, vitale. Lo energizza. Gli dà dignità e lo consegna ad una seconda vita”.

La Mostra presenta, in particolare, gli ultimi suoi lavori ispirati alle montagne, ai “giganti” che abbracciano tutt’intorno Courmayeur e ai suoi elementi naturali che ne fanno ricchezza e peculiarità, in primis la neve. Una collezione di favolose sculture che non mancherà di stupire, con un’eccezionale sorpresa dello stesso M’horò prevista a fine serata…

SHARE
RELATED POSTS
Viaggio nel mondo dell’eros attraverso cinque secoli di carta stampata
Alla Provincia di Arezzo, l’arte di Rosa Spina: oltre il déjà vu, nella modernità di micro\macro metamorfosi e inedite “prospective pingendi”

Leave Your Reply

*