società

Vivere con la sclerosi multipla – La storia di Claudia – I parte

 

Raccontare una vita non è mai banale, ognuno di noi è unico e irripetibile. La storia che raccontiamo oggi è quella di Claudia, è quella di una giovane donna, come tante, con sogni e speranze. Ma con una voglia in più, quella di realizzare il progetto d’Amore che Dio ha per lei. Dapprima è arrivata la laura in psicologia – col preciso desiderio di usarla per essere strumento utile a migliorare la condizione umana dei più bisognosi –, poi è arrivato il matrimonio – un rapporto germinato e maturato nell’affidamento a Dio – e alla fine è arrivata Elena. Una bambina meravigliosa! Claudia ha tanta, tanta voglia di amare… di amare davvero. Amare la vita e amare il prossimo. Il suo impegno verso gli ultimi è costante. E assieme a Mario ed Elena tutto sembra andare verso la pienezza. Poi però iniziano i primi problemi di salute che piano piano diventano grandi… Problemi che le bloccano la vita, i progetti, i sogni. O forse… glieli trasformano… in altri sogni… in altre consapevolezze… Claudia ha la sclerosi multipla. Prima della scoperta della malattia tutto era meraviglia e la vita era un continuo desiderare e progettare, seppure nella fiducia in Dio. Dopo la malattia tutto è diventato accoglienza. Prima Claudia voleva “aiutare gli altri” e stare vicino a chi soffre, adesso è lei a soffrire. Prima era indipendente e autonoma, adesso non può più fare quello che vuole. Ora non può che affidarsi a Dio e ha ciò che Lui vuole per lei… e nonostante tutto… accettarlo davvero.

In una bellissima lettera in cui Claudia mi ha confidato i suoi pensieri e che assieme abbiamo deciso di condividere, mi ha scritto: “vedi, la sclerosi multipla, è una malattia assolutamente imprevedibile, cambia da un giorno all’altro, anzi all’interno di uno stesso giorno, ora puoi fare una cosa e tra un po’ non riesci; non ti chiede il permesso, arriva con nuovi sintomi, o ne riaccende di vecchi all’improvviso, non ne puoi prevedere la durata né il decorso. Tutto questo ti lascia un grande senso di precarietà e di impotenza, perché non puoi ‘avere il controllo’ della situazione, né sapere cosa ti accadrà ed essere preparata. Eppure, se l’accogli, ti insegna a vivere l’oggi come unico luogo possibile e da valorizzare, ti libera dai tuoi progetti, pur belli, giusti, ma che ‘portano la tua firma’ cioè sono viziati dai tuoi desideri, dalle tue convinzioni, dalle tue paure.

Continua…

SHARE
RELATED POSTS
Edith Stein – Storia della grande studiosa di fenomenologia ed empatia – I parte
San Leonardo Murialdo: educatore e padre per i poveri e gli abbandonati, e il suo impegno vissuto per una civile integrazione – II parte
Ricerca antropologico-culturale nell’Amazzonia boliviana – Antefatti e sintesi dei risultati della ricerca – Parte I

Leave Your Reply

*