società

Ricerca antropologica VII – I MOXOS la laguna di Isideri e i bambini – Parte I

 

La laguna Isireri di San Ignacio de Moxos è un bacino naturale d’acqua, esteso 20 kmq e distante un chilometro dal villaggio. La leggenda da tutti conosciuta come “Isireri: el jichi que se muere” racconta di un bambino di nome Isireri che un giorno andò con sua madre ad una sorgente per raccogliere acqua. Mentre la madre era occupata a riempire le brocche, Isireri si allontanò senza avvertirla. Un po’ più in là la sorgente aveva formato un piccolo specchio d’acqua paludoso. Isireri vi entrò e ne rimase invischiato. La mamma, al momento del ritorno, s’accorse che suo figlio non era con lei e cominciò a chiamarlo con ansia. Non vedeva Isireri ma sentiva le sue disperate invocazioni di aiuto che col tempo si facevano sempre più fioche. Poi notò che l’acqua dell’acquitrino cresceva pericolosamente fino a trasformarsi in una grande laguna che ingoiava il bambino per farne l’Jichi, uno spirito tutelare. Una variante della leggenda, dice che un grande serpente di 50-60 metri uscì dalle acque del lago, avvolse Isireri e se lo portò giù con sé per farne serpente per farne l’Jichi della laguna. Il serpente non fa del male alla gente, la vuole solo spaventare, come per avvertirla. Ma non deve essere ucciso, altrimenti la laguna si prosciuga e diviene secca.

Questa leggenda ha colpito sempre l’immaginazione dei bambini di San Ignacio de Moxos, che la interiorizzano e l’arricchiscono con interpretazioni e rappresentazioni personali, aggiungendo il mito al mito. Eccone alcune versioni degli alunni delle scuole primarie di San Ignacio de Moxos.

Claudia Fabricano (seconda media) nel suo racconto vede “un Isireri ormai vecchio e la laguna in cerca di un altro bambino che lo sostituisca”

Per Santo Maza (quinta classe), Isireri andò con sua madre alla laguna per pescare. Rimasto per un attimo solo, gli apparve una signora che somigliava a sua madre e che dolcemente lo invitava a seguirla. E Isireri scomparve con lei. Per tanta gente del villaggio se l’era portato via una sirena.

Continua…

SHARE
RELATED POSTS
Ricerca antropologico-culturale nell’Amazzonia boliviana – Antefatti e sintesi dei risultati della ricerca – Parte I
Ricerca antropologica III – I MOXOS e l’arrivo dei gesuiti nel territorio
ENGIM E DIRITTI DELLE DONNE e la Guerra – Parte I

Leave Your Reply

*